Storia

Dal 1962-1966

Don Filippo Maria Quinci

Don Filippo comincia a esercitare il suo sacerdozio nella capitale dell’Assia nel lontano 1962, più precisamente il 27 dicembre. Già nell’ottobre del 1963, egli ottiene dalla Caritas, un centro Italiano nella Friedrich-Straße. Sacerdote di ottime qualità, bravo e intraprendente, era benvoluto dai giovani.  A lui si deve l’allestimento di un ostello per i nuovi italiani che, arrivati in Germania, non avevano una abitazione adeguata. Il 1 luglio del 1966, don Quinci ritorna nella sua diocesi d’origine a Caltagirone.

Dal 1966 - 1972

Don Giovanni Battista de Florian

Don Giovanni Battista de Florian nato a Treviso l’8 dicembre del 1934. Consacrato sacerdote nel marzo del 1959 assume la guida della nostra Comunità dal 1966 al 1972. La particolarità che lo distingue maggiormente è il suo lavoro svolto con i giovani. Egli, appena arrivato a Wiesbaden, vede che i giovani girovagano per la città senza meta e da allora pensa di istituire una squadra di calcio. Giorno dopo giorno il lavoro pastorale cresce in ogni settore, in particolare nell’assistenza sociale. Per le molteplici attività pastorali, risulta lo stabile della Friedrichstraße molto ristretto, perciò gli viene affidato un complesso nella Dotzheimerstraße al n°24 insieme alla Comunità Spagnola. Dopo sei anni di operato nella missione di Wiesbaden, don Giovanni viene nominato referente degli Assistenti Sociali Italiani nella Caritas di Friburgo. Morto il 9-12-2015 alla veneranda età di 81 anni.

Dal 1972 - 1980

Padre Mario Salon

Nato a Tarvisio il 22.01.1935. All’età di dodici anni entra nell’ordine dei Chierici Minori. Nel 1960, a Roma, viene ordinato sacerdote. Il nuovo missionario si concentra soprattutto nel lavoro giovanile cercando di raggiungere gli stessi obbiettivi del suo predecessore. Per la mole di lavoro, che padre Mario deve affrontare nella Comunità Italiana, gli viene accordato il sostegno di un secondo parroco: don Fausto Urgu, insediato il 15 settembre del 1977 come parroco ausiliare. Il consiglio sinodale della città di Wiesbaden insieme alla parrocchia italiana arrivano alla conclusione di sperimentare una sorta di gemellaggio o di integrazione tra le parrocchie tedesche e quelle di altre denominazioni linguistiche. Nel giugno del 1978 si studia la possibilità di una convivenza tra la Comunità Italiana e la parrocchia di Maria – Hilf. Padre Mario lascia la nostra Comunità nel 1980, e sarà ricordato come esempio di amore e di fede.

Dal 1977-2014

don Fausto Urgu

Nato a Montecatini Terme il 9-8-1946 è ordinato sacerdote il 3-12-1972. Don Fausto, insediato come parroco ausiliare nel 1977, diventa parroco a tutti gli effetti nel 1980, quando padre Mario lascia la nostra Comunità per un altro incarico. Egli continua l’attività del suo predecessore e quando nel 1982, dopo quasi quattro anni di preparazione arriva il momento del trasferimento della Comunità Italiana nella parrocchia di Maria – Hilf. Fino ad adesso si è costretti a dare più peso alla sicurezza sociale e non all’integrazione tra due Comunità di indirizzo linguistico diverso ma da ora in poi si dà un’attenzione particolare alla cura delle anime tale da diventare priorità assoluta. L’operato che distingue maggiormente don Fausto è l’attività pastorale negli ospedali, nelle carceri giovanili, la celebrazione delle messe e l’amministrazione dei sacramenti in tutte le postazioni vicine e lontane del comprensorio di Wiesbaden. Nel giugno del 2004 don Fausto deve affrontare un altro trasferimento nella chiesa di St. Andreas. Nel settembre del 2014, don Fausto va in pensione e i molti italiani che vivono a Wiesbaden ritengono indispensabile la sopravvivenza della missione, perciò viene nominato amministratore parrocchiale il tedesco Stephan Gras, coadiuvato dall’aiuto di padre Vincenzo come cappellano.

Dal 2014-2018

Pfarrer Stephan Gras

Stephan Gras nasce nel 1967. Cresce a Bad Soden am Taunus. Studia a Francoforte sul Meno e a Monaco. Nel 1992 è consacrato diacono a Braunfels sul Lahn. È ordinato sacerdote nel 1993 nella cattedrale di Limburgo. Trascorre la sua vita da cappellano tra le Comunità di Francoforte, Schwanheim, Goldstein e Bornheim.

Nel 1999 lavora per diversi mesi in Argentina, nella provincia della foresta vergine di Misiones, direttamente al confine con il Brasile, in una parrocchia in condizioni di vita semplici.”

Dal 1.12.2000 Stephan è parroco della Comunità di lingua Spagnola a Wiesbaden; a settembre del 2014 assume anche la guida della Parrochia Italiana a Wiesbaden, come Amministatore Parrocchiale. Cariche che mantiene fino al 2018.

Dal 2016-2018

p. Vincenzo Maria TOMAIUOLI, scalabriniano

Padre Vincenzo Maria Tomaiuoli, nasce a Manfredonia il 15 agosto 1984.                   

Dopo gli studi liceali e il conseguimento della maturità classica, entra nel 2003 nel ‘Propedeutico’ della Congregazione dei Missionari di San Carlo, Scalabriniani, a Roma. Qui, nel 2004 inizia gli studi filosofici presso la Pontificia Università Salesiana e nel 2006 entra nel Noviziato nella Casa Madre scalabriniana di Piacenza.

Nel 2008 emette la prima professione religiosa e viene inviato in Colombia per formazione, studio della lingua e pastorale tra i migranti. Rientrato in Italia nel 2009, dopo alcune esperienze di discernimento e servizio in altre realtà formative, nel 2011 inizia lo studio della teologia a Roma presso la Pontificia Università Lateranense.

Il 6 gennaio del 2015 emette la Professione Perpetua ed è destinato come missionario nella ‘Regione Beato Giovanni B. Scalabrini’ che comprende l’area geografica Europa-Africa.

Il 25 ottobre 2015 viene ordinato diacono da Sua Eminenza il Cardinale Beniamino Stella, Prefetto della Congregazione del Clero, nella Parrocchia SS. Redentore di Roma, la cui cura è affidata agli Scalabriniani; qui, vi rimane svolgendo il ministero di diacono.

Nel giugno del 2016 consegue la Licenza in ‘Teologia Pastorale della Mobilità Umana’ presso lo Scalabrini International Migration Institute (SIMI), incorporato nella Pontificia Università Urbaniana di Roma.

L’1 ottobre del 2016 è ordinato sacerdote nella Cattedrale di Manfredonia da Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Michele Castoro. Padre Vincenzo presiede la prima Eucaristia il 2 ottobre del 2016 nella Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto.

Nel novembre del 2016 assume la carica di cappellano della Comunità Italiana di Wiesbaden, quale collaboratore dell’Amministratore Parrocchiale Pfarrer Gras. Nel luglio del 2018 lascia la Comunità di Wiesbaden per assumere l’incarico di parroco a Stoccarda.

Dal 2018

Don Giuseppe Cagnazzo

Nato a Taranto il 30 agosto 1963, viene ordinato sacerdote il 18 ottobre 1988 da S.E. Mons. Salvatore De Giorgi attuale Cardinale di Santa Romana Chiesa. Svolge i suoi primi anni sacerdotali come Vicario Parrocchiale nella chiesa di S. Antonio in Taranto. Nel 1991 il Vescovo di Taranto lo invia a Padova per completare i suoi studi teologici nell’Istituto Liturgico Pastorale. Rientrato in Diocesi diventa Vicario Parrocchiale della chiesa di S. Antonio in Martina Franca e dopo qualche mese assume l’incarico di  Direttore dell’Ufficio Liturgico diocesano e di Presidente della Commissione di Arte Sacra e di Musica Liturgica. Dal 1996 al 2000 è Parroco della chiesa Maria SS. del Monte Carmelo in Grottaglie; dal 1998 al 2013 è Parroco della chiesa Madonna delle Grazie in Grottaglie, sostituendo Mons. Salvatore Ligorio, nominato vescovo di Tricarico e attualmente Arcivescovo Metropolita di Potenza; dal 2013 al 2018 è Parroco della chiesa Santa Famiglia in Taranto. In questi ultimi anni viene nominato Vice Direttore e poi Direttore dell’Ufficio di Pastorale Familiare e Assistente Diocesano del Settore Adulti di Azione Cattolica. Il 17 luglio 2018 arriva a Wiesbaden nella Comunità Cattolica Italiana, per assumerne ufficialmente la guida come Parroco il 22 settembre dello stesso anno.